Il Villaggio del Cerchio secondo la visione di Story

Cosa faremo? A nessuno piace il mondo così com'è: violenza, droga, alienazione, oppressione, povertà, fame, ingiustizia, corruzione, famiglie e comunità distrutte, inquinamento, degrado ambientale - potrei andare avanti.

Allora cosa faremo?

Molte persone dicono: "Niente". Non c'è speranza. La persona comune è impotente.  Quindi mi preoccupo solo di me e dei miei. Prendo quello che posso, vivo come posso, e non mi preoccupo troppo di quello che succede al resto del mondo".

Poi ci sono gli attivisti.  Quelli che si fanno carico di uno o più pezzi di ciò che non va e cercano di influenzare il cambiamento con l'opposizione, le manifestazioni, le marce, la disobbedienza civile, il confronto per la pace, l'ambiente, la giustizia civile ed economica.  A volte è efficace e le cose cambiano un po', e c'è un cameratismo di solidarietà che fa sentire bene.

Altri preferiscono lavorare all'interno del sistema. Infiltrandosi e diffondendo i valori umani nel governo, negli affari, nell'educazione, nella medicina e così via, creando legami amichevoli, si possono fare piccoli cambiamenti dove si vive e si lavora.

Questi cambiamenti sembrano tutti così piccoli e sparsi nel vasto complesso di ciò che non va.  Ma pochissime persone pensano ancora che la rivoluzione possa sistemare qualcosa.  Due secoli di risposte rivoluzionarie non hanno aiutato, e a volte hanno peggiorato le cose.

Il fatto è che nessuno potrebbe costruire una teoria che funzionerebbe per ogni persona in ogni società, ora e nel futuro. Io non ho la risposta ai problemi del mondo. Ma noi sì.  C'è un detto: "Nessuno di noi è intelligente come tutti noi". Ampi studi sulle società umane ci mostrano che esse sono più umane, più premurose e benefiche per tutti, quando sono egualitarie, quando la deliberazione e il processo decisionale sono distribuiti in modo più equo. Quando il potere si concentra in un individuo o in un gruppo speciale, l'oppressione e l'ingiustizia appaiono e crescono.

Come ha osservato Lord Acton, il potere corrompe, e solo la vera uguaglianza dei piccoli gruppi, dove c'è tempo e cura per ogni persona da ascoltare, può proteggere le nostre comunità da questa corruzione.  Fin dall'inizio le società civili sono state corrotte, per esempio, dall'esclusione della metà femminile della popolazione, il potere che riposa solo nel maschio, ulteriormente ridotto al guerriero e al ricco.  Il sistema dei cosiddetti pesi e contrappesi non è riuscito ad affrontare questa iniqua distribuzione del potere ai ricchi.

La vera democrazia non esiste in nessuna delle nazioni del mondo, a causa delle dimensioni e dell'influenza della ricchezza.  Ma è esistita in quelle società tribali in cui ogni persona ha una voce uguale, in cui le comunità sono abbastanza piccole perché la gente possa conoscerle e ascoltarle.

È possibile per un pianeta di oltre sei miliardi di persone avere un'organizzazione economica, politica, culturale e spirituale basata su unità abbastanza piccole da garantire una vera democrazia, mantenendo l'uguaglianza e i valori comuni di ogni comunità, ma cooperando in progetti e organizzazioni più grandi per un bene più grande a livello globale?

Come persona di una tribú, che ha vissuto l'esperienza di vivere in una varietà di comunità tribali e che ha studiato l'evoluzione della società umana, sono giunto alla conclusione che è possibile per l'umanità realizzare una società che sia veramente egualitaria e che valorizzi la creatività, la soddisfazione, la vicinanza e l'amore di ogni membro.  Vedo segnali di questo in tutto il lavoro che ho fatto con i cerchi e le comunità negli ultimi quarant'anni.

Ciò che segue è la mia personale concezione e visione di come ciò possa essere realizzato.  Lo offro come parte della nostra ricerca comune per rendere migliore, più sana, più sicura e più felice la nostra vita, la vita delle generazioni future e quella della Terra e delle altre specie di creature.

Ho scelto di presentare questa visione in una versione compatta, come una visita a un villaggio del futuro.  È un luogo che spero possa trovare terreno fertile nel nostro cuore e nella nostra mente per crescere nella vostra visione, per condividere e approfondire il nostro cammino insieme.

Intendo iniziare a coltivare questo seme con gli altri non appena troveremo un posto dove iniziare il nostro primo Villaggio in Cerchio.  Non si svilupperà proprio come questa visione, perché sarà il prodotto di tutte le diverse persone che lo costruiscono.  Ma credo che i principi umani fondamentali dietro di esso siano quelli su cui la maggior parte troverà un accordo.
Il Seme della Visione

Questa visita è stata fatta nell'anno 2012, e ovviamente molto era già stato fatto nel villaggio.  La visione di quella visita è stata registrata e pubblicata nel 2005, prima ancora che fosse stato individuato e acquistato un terreno per il villaggio.  Dopo la prima lettura pubblica della visione in agosto, l'autore ha visitato Damanhur, un villaggio di circa 1.000 persone ai piedi delle Alpi italiane.  Questa comunità, con le stesse intenzioni del movimento Circle Way, aveva una propria economia con i propri soldi, 80 attività commerciali, un centro commerciale, una fattoria biologica, una scuola elementare, un'università spirituale, e ha creato un rinomato tempio dello spirito dell'umanità proprio all'interno della montagna.  La loro visione è iniziata nel 1975 e il terreno è stato acquistato e la costruzione è iniziata due anni dopo.  I loro risultati includono molti elementi della nostra visione e possono essere visti su Internet all'indirizzo www.damanhur.org.

La visione del Circle Way Village era germogliata e gesticolava da dieci anni nei nostri campi internazionali che esploravano il Circle Way prima che questa versione della visione fosse scritta.  L'autore è soddisfatto, dopo aver creato, vissuto e studiato molte comunità per quasi quarant'anni, che questa visione sia eminentemente pratica e fattibile. Grazie alla natura del Cerchio, che comprende e incoraggia la gamma totale di creatività e intelligenza di tutti i suoi partecipanti, senza dubbio emergeranno molte variazioni nella manifestazione dei Villaggi in Cerchio.

Tutto é per il bene.  Perché il nostro obiettivo non è solo quello di migliorare la vita di noi stessi e delle nostre famiglie, ma di creare una società che funzioni per tutti.  Una società che non si limita a rendere un servizio a parole alla libertà, all'uguaglianza e alle relazioni amichevoli e solidali tra tutti gli esseri umani, ma che ci avvicina gli uni agli altri e permette alle nostre qualità umane universali di creatività, di gioco e di cura di prosperare.


Entrare in un nuovo mondo

Ci fermiamo nel parcheggio proprio mentre un autobus dalla stazione ferroviaria in città sta scaricando una ventina di visitatori del Villaggio.  Provengono da tutto il mondo - un mix internazionale.  Alcuni sono ovviamente turisti, coppie e famiglie, con macchine fotografiche e videocamere per cellulari.  Alcuni sono studenti che lavorano su tesi sulla comunità, in particolare sul fenomeno dei Villaggi Circle Way globali che proliferano ovunque, sul cambiamento della società, sull'ecologia. Alcuni sono vagabondi, alla ricerca di un posto da chiamare casa, o semplicemente aggiungendo un'altra esperienza della varietà del mondo, e alcuni sono membri di altri Villaggi della Via del Cerchio con una particolare abilità da offrire, o imparare.  C'è anche un piccolo gruppo venuto a studiare il funzionamento del Villaggio per creare un nuovo Villaggio del Cerchio.

Altre persone stanno parcheggiando le loro auto, - pendolari che vivono nel Villaggio e lavorano nei loro negozi in città, dove si vendono prodotti agricoli biologici e manufatti artigianali degli abitanti del villaggio.

Questi si dirigono verso le file di biciclette che sono libere per l'uso di tutti e si dirigono lungo la stretta strada che porta al Villaggio che si trova appena sotto la collina.

Ci uniamo agli altri visitatori su un grande carretto di cavalli gommati come un immenso surreale con i lati aperti e il tetto frangiato.  L'autista si assicura che tutti siano al sicuro, e poi esorta la coppia di robusti cavalli a seguire i ciclisti.   Quando abbiamo liberato la cresta della collina e abbiamo iniziato a scendere, i rumori e gli odori dell'autostrada alle nostre spalle scompaiono, e ci troviamo improvvisamente in un mondo di brezze tranquille che sussurrano attraverso i prati, di ronzii di insetti, di canti di uccelli e di fiori selvatici sorrisi di un sole gentile da un cielo limpido.

Una donna del Villaggio è con noi per accogliere i visitatori e farci da guida.  L'interesse per queste comunità si è diffuso in modo che ora le migliaia di visitatori all'anno forniscono un'attività aggiuntiva affidabile.  Le chiediamo quanto dista il Villaggio.

"Non così lontano.  Quando saremo in cima alla prossima collina, la vedrete sotto di noi.  I campi che ci circondano fanno parte della fattoria, ma quest'anno sono a maggese.  Se guardate laggiù potete vedere un gregge delle nostre pecore".

"Sono per il cibo o per la lana?" chiede un uomo.

"Lana.  Anche gli animali che abbiamo sono abitanti del villaggio e li amiamo come parte della nostra famiglia.  Non mangiamo i nostri animali, ci prendiamo cura di loro e vediamo che hanno una bella vita, come noi".

"Siete tutti vegetariani?"

"Non tutti.  La maggior parte di noi lo è, ma ci sono anche alcuni carnivori.  Ci sono stati molti consigli su questo all'inizio, con persone molto impegnate su entrambi i lati della questione.  Nessuno voleva un'autocrazia - noi lavoriamo con il consenso.  Tutti erano d'accordo che il trattamento degli animali da parte delle industrie della carne è un abominio, così abbiamo trovato un accordo che i carnivori possono cacciare e pescare per il loro uso personale, con riverenza e gratitudine verso le creature che rispondono alle nostre preghiere.  Queste persone si sentono bene nel seguire le vie dei nostri antenati in armonia con il ciclo della vita.  Naturalmente noi vegetariani pensiamo di esserci evoluti ulteriormente, ma non ci prendiamo troppo sul serio e ci scherziamo molto a vicenda.

"Ma voi usate prodotti animali - come la lana".

"Ne discutiamo molto e cerchiamo di usare insieme il nostro modo di pensare migliore. Molti dei nostri animali sono stati addomesticati per diecimila anni.  Non saprebbero più come sopravvivere in natura.  Così li prendiamo come co-collaboratori e ci prendiamo cura di loro come ci prendiamo cura l'uno dell'altro. Ma ognuno di noi fa qualcosa per sostenere l'intera famiglia, così abbiamo pecore e capre e altri che danno la lana e il latte.  Alcuni di noi non mangiano latticini, ma non si oppongono finché siamo così premurosi e ci prendiamo cura del benessere totale degli animali.  Abbiamo anche galline che danno uova, per esempio, e cavalli che trainano carri e aratri e slitte, anche cani per l'allevamento e gatti per il controllo dei parassiti".

"Non usate macchinari agricoli?"

"Sì, lo facciamo, ma in genere è molto semplice all'antica.  In sostanza, non ci piace la combustione interna e i combustibili fossili.  Troppo rumoroso e puzzolente.  Amiamo l'aria pulita e il suono morbido del vento e degli uccelli canori.  Naturalmente siamo completamente organici e non usiamo sostanze chimiche velenose, solo il nostro compost naturale.  Ed è così bello camminare accanto ai nostri cavalli, arare, piantare e raccogliere insieme".

"Guardate, eccolo lì!"

Rivolgiamo di nuovo l'attenzione in avanti e vediamo sotto di noi una spessa siepe alta che corre attraverso il prato e oltre i tetti di un gruppo di edifici sopra i quali si erge un campanile.  Avvicinandoci, scorgiamo nella siepe un cancello di legno finemente intagliato sopra il quale spiccano le parole:

WELCOME HOME - BENVENUTI A CASA

Un viaggio in centro

Una volta varcata la porta, l'estensione della piccola città diventa evidente.  Poco più avanti ci sono alcuni edifici che chiaramente non sono residenze, ma aziende, negozi, studi, uffici, e sulla destra ci sono fienili e altri edifici agricoli con ampi campi che si estendono oltre.  A sinistra e un po' dietro la zona centrale della città si possono vedere tante case più piccole.  Al di là di tutto si erge una linea di alberi che indica estesi boschi.  Poco prima c'è un grande edificio dove ci fermiamo.  Questo è l'albergo ostello dove alloggeremo e dove si trova l'ufficio di accoglienza che sarà il nostro collegamento con il Villaggio.

Dopo aver disinteressato i nostri bagagli, i cavalli e i carri vengono portati via verso i fienili.  Sono disponibili una varietà di posti letto: camere private molto piccole, ognuna con un letto singolo e finestra, camere familiari più grandi alle quali possono essere aggiunte delle culle, o un dormitorio dove, se lo si desidera, si può ottenere una certa privacy grazie alle tende d'ospedale.  Non ci sono bagni privati.  La semplicità e la mancanza di lusso consentono tariffe molto convenienti, impostate non a scopo di lucro ma di servizio.  Anche i pasti nella grande sala da pranzo sono molto ragionevoli, oltre che freschi e biologici.  Il pranzo è stato preparato con gusto da persone che evidentemente amano la creatività culinaria.  Ci viene in mente uno dei cartelli che leggiamo all'ingresso:

FAI CIÒ CHE AMI, E AMA CIÒ CHE FAI

Dopo pranzo arriva una nuova guida per offrire al nostro gruppo un tour completo del Villaggio.  Ci viene detto che se un luogo o un aspetto è di particolare interesse per qualcuno di noi, la guida troverà qualcuno che trascorrerà più tempo con quella persona per conoscerlo.

Oltre l'hotel c'è una strada asfaltata che passa davanti ad alcuni edifici.  All'inizio, alla nostra destra, c'è un vecchio negozio che vende un po' di tutto ciò che una casa può desiderare: prodotti freschi, generi alimentari, utensili da cucina e vari utensili ed elettrodomestici.  L'edificio successivo è un museo che visiteremo sicuramente più tardi.

Più avanti, lungo la strada, su entrambi i lati e intorno al comune circolare, si trovano alcuni laboratori, fronteggiati da piccoli negozi che vendono i prodotti artigianali e altri prodotti realizzati all'interno.  Di fronte alla casa dei tessitori e dei sarti c'è un negozio di abbigliamento, un negozio di biciclette di fronte al negozio che produce e ripara.  C'è un fabbro e un soffiatore di vetro con i negozi dei loro prodotti.  Di fronte alla libreria si trova una libreria che produce un giornale settimanale, libri, opuscoli e stampe di opere d'arte.  Altri mestieri come la cesteria, la ceramica, l'intaglio del legno, i giocattoli e i mobili in legno hanno tutti laboratori e negozi propri.

Un edificio è stato adibito alla progettazione, costruzione e riparazione elettronica.  Qui c'è un certo numero di persone che progettano hardware, costruiscono computer, stereo, televisori, telefoni cellulari, macchine fotografiche e videocamere, altri lavorano alla programmazione, al software, creano film e video che descrivono i molti aspetti, i problemi e le storie della vita del Villaggio.  Tutti questi prodotti sono disponibili al pubblico nel negozio annesso.

Di fronte al comune c'è anche un caffè e un ristorante, con tavoli esterni sul retro in mezzo a un giardino fiorito e di fronte al comune.

Questo comune ha dei percorsi come raggi di una ruota rivestita di aiuole che portano tutti al centro, dove si erge un chiosco aperto.  Da qui un quintetto composto da pianoforte, fisarmonica, clarinetto, batteria e contrabbasso, emette un flusso di musica rilassata di uno stile tutto suo, preso in prestito e miscelato da molte fonti.  Un ascoltatore esperto potrebbe discernere elementi del jazz e delle tradizioni classiche europee, di ceppi ebraici klezmer e sefarditi, derivazioni gitane dall'Europa orientale e dalla Spagna, greci, turchi, caucasici mescolati a colorazioni del Nord Africa e del Medio Oriente.  I ritmi mutevoli affermavano la direzione e il flusso del suono, ritmi che danzavano dall'America del Sud, dall'Africa subsahariana, dall'India e dall'Oriente.

Un certo numero di persone sono sedute sull'erba o ascoltano dalle panchine lungo i sentieri, e alcuni ballano.

"Da dove viene questa musica?", chiede uno del nostro gruppo.

"Questi sono alcuni dei nostri musicisti, abitanti del villaggio che hanno suonato insieme per molto tempo.  La musica, come si può sentire, viene da tutto il mondo.  Molte persone ci visitano da molte culture.  Chi suona o canta si siede con i nostri musicisti e impara l'uno dall'altro.  Ora che abbiamo i Villaggi della Via del Cerchio in molti altri paesi questi cambiamenti stanno diventando sempre più frequenti.  Sembra che mentre ogni villaggio sta creando la propria cultura, noi stiamo anche iniziando a creare una nuova cultura globale".

Una nuova cultura

Al di là del comune, in fondo, si erge un edificio molto grande con due lunghe ali che si estendono su entrambi i lati.  Questo ci viene detto è il Centro Culturale del Villaggio.  Entrando dalla porta d'ingresso della sezione centrale troviamo un'enorme cupola ovale, simile al Tabernacolo di Salt Lake City.  Come quell'edificio, anche qui l'acustica è notevole.  Un perno che cade ad un'estremità si sente chiaramente da tutte le parti. File di sedili che contengono diverse migliaia di persone si alzano intorno a uno spazio centrale per gli oratori, i cori, il teatro a tutto tondo, o anche i numeri del circo.

"Questo è stato progettato per contenere l'intera popolazione del Villaggio di circa un migliaio di persone", dice la guida.  "Qui la gente viene per i mondanità settimanali con canti e balli, e anche per discutere e prendere decisioni sul Villaggio".  I gradini dei posti a sedere all'estremità opposta possono essere spostati per girare verso un grande palco a piattaforma.  Qui si svolgono spesso spettacoli di qualche tipo nei fine settimana, una rappresentazione teatrale della compagnia teatrale del Villaggio, o una danza della compagnia di danza, concerti di musica jazz, rock, classica, folk e world music da parte di insegnanti e studenti della scuola di musica del Villaggio, e occasionalmente da parte di artisti in visita.  Tutti gli eventi sono gratuiti per gli abitanti del Villaggio e il pubblico esterno è pregato di donare qualsiasi tipo di dono.

"I visitatori possono donare le loro esibizioni e ricevono gratuitamente vitto e alloggio e l'accesso a tutte le strutture.  Altri artisti possono venire per un ritiro per lavorare su qualche progetto, un libro, un dipinto o una scultura, un dramma musicale o altro, e condividere i loro progressi quando scelgono con altri artisti.  La maggior parte dei Villaggi del Cerchio hanno qualche specialità, e il nostro è costituito dalle nostre scuole d'arte e dai nostri programmi.  Se volete studiare un po' di scienza, come la fisica nucleare o l'astronomia, o la scrittura creativa forse, o dire qualche ramo della filosofia o della tecnologia, l'agricoltura o il giardinaggio, o l'ambiente, diciamo, potreste trovare un villaggio specializzato in questo.  Uno dei nostri giovani è andato in un villaggio costiero che insegna costruzione di barche.  Credo che se gli piace resterà e lo farà per la sua vocazione".

Siamo invitati a visitare il backstage e a meravigliarci del design che può essere adattato al teatro di tutte le epoche, con un'elaborata tecnologia di luci, suoni e scenografie, tutto prodotto nel Villaggio.  Più tardi vedremo un anfiteatro dove si tengono spettacoli e raduni, se il tempo é clemente.

Le ali che si estendono da sinistra di questo teatro ospitano la scuola di musica, con studi e aule per le prove, aule di pratica private e una piccola sala per i recital.  C'è anche una sala d'ascolto con comode sedie e alcuni tavoli da scrittura, dove le persone ascoltano in cuffia ciò che hanno scelto da una vasta biblioteca di musica registrata.

Le ali a destra iniziano con una galleria d'arte di artisti del Villaggio, con una sala per la visita di collezioni di altri villaggi o gallerie.  Oltre agli studi per la pittura, il disegno, la scultura in pietra, legno, metallo e altre costruzioni, e le aule per gli studenti, una sala stampa e una biblioteca di dipinti che sono gratuiti per il prestito agli abitanti del villaggio.

Tra il teatro, la musica e le quinte d'arte ci sono spazi di gioco sia all'aperto che al chiuso per i bambini dei partecipanti agli eventi e alle lezioni.  Intorno a tutta la vasta struttura, ai lati e dietro, ci sono molti giardini con sentieri per passeggiate, panchine, pergole, gazebo, laghetti per i pesci e un piccolo ruscello che lo attraversa.  Questi sentieri possono essere suggestivamente illuminati durante le serate danzanti o i concerti all'aperto in estate.

Strutture del Villaggio

Attraversando i giardini sulla destra siamo condotti intorno ad un gruppo di grandi edifici che si trovano dietro i negozi che abbiamo superato entrando.  Il primo è un impianto di trattamento delle acque che ricicla le acque reflue del Villaggio, filtrandole attraverso i livelli di terra e di vita vegetale, purificandone alcune anche attraverso la distillazione, con esperimenti in corso su nuovi metodi di trattamento.  Accanto a questo edificio c'è la centrale termica, che fornisce calore a tutti gli edifici del Villaggio, comprese le case.  Una fonte di calore è attualmente rappresentata dalle forniture di cippato delle segherie e delle case edilizie della regione, nonché dai negozi di lavorazione del legno del Villaggio.  Il fumo della combustione viene filtrato e trattato per ridurre l'inquinamento dell'aria.  La principale fonte di riscaldamento è l'olio vegetale riscaldato dai collettori solari, che si può vedere su ogni tetto.  Ci sono anche vari nuovi esperimenti in corso per produrre calore da fonti rinnovabili.

Accanto a questo c'è un centro fitness con piscina coperta, sauna e bagni di vapore, campi da basket, pallamano, racquetball, squash e tennis, sale pesi, una pista da bowling a quattro corsie e sale per lo yoga, le arti marziali e altri allenamenti fisici.  All'esterno c'è anche una piscina, oltre a pallavolo, croquet, shuffleboard e bocce.

Qualcuno commenta tutte le spese che tutte queste strutture richiedono.

All'inizio", risponde la guida, "una delle resistenze che la gente ha dovuto affrontare vivendo in una comunità rurale è stata quella di non avere accesso a varie cose che volevano nella loro vita, e i fondatori sentivano che tutto ciò che qualcuno voleva che aggiungeva alla buona vita poteva essere disponibile.  Noi vogliamo soprattutto avere una buona forma fisica e divertirci nella nostra vita, quindi questo edificio e i campi sportivi e i campi da gioco sono molto importanti per noi".

Andando avanti scopriamo un'importante biblioteca, con computer per la ricerca, libri, registrazioni e film da prendere in prestito.  Qui ci sono anche sale per incontri, come gruppi letterari, di scrittura e di discussione su molti argomenti.  Ci informano che il venerdì sera c'è di solito un film al cinema principale, i migliori film di molti paesi, o a volte uno creato qui nel Villaggio, un progetto comune di tutti i gruppi artistici.

L'ultimo edificio di questo gruppo, quello più vicino all'Ostello, è il museo del Villaggio. In questo si possono vedere fotografie e cimeli ed esposizioni in molte sale, reperti della storia dell'universo, dell'evoluzione della vita sulla terra.

Mentre camminiamo attraverso le stanze la guida spiega: "Qui possiamo seguire le tappe dell'umanità dai primi umanoidi di milioni di anni fa, attraverso la nascita dell'homo sapiens sapiens, i nostri pacifici antenati tribali e le prime civiltà, fino all'ascesa del dominio e della violenza che hanno afferrato i sistemi di rapporti umani e conquistato i popoli tribali, la lotta delle persone attraverso le epoche della civiltà per la libertà e l'uguaglianza, e infine l'incontro di persone in piccoli gruppi per tornare ai pacifici modi tribali di cura e cooperazione umana.  Queste nuove tribù si assistono l'un l'altra in molte reti in tutto il mondo di cui i Villaggi della Via del Cerchio sono solo uno.

"Quando è stato avviato il primo Villaggio del Cerchio, i pianificatori hanno capito che gli esseri umani sono fondamentalmente tribali.  Cioè che sono più umani quando vivono a stretto contatto con altri esseri umani, condividendo i loro pensieri e sentimenti, le loro speranze e le loro paure e i loro desideri, e cooperando per il più alto benessere di tutti.  Hanno capito che i loro antenati avevano vissuto una buona vita tribale per millenni prima che i loro cerchi fossero conquistati e spezzati.   Poche centinaia di milioni di persone vivevano ancora o erano legate al loro patrimonio tribale.  La maggior parte dei miliardi di persone sulla terra aveva perso da tempo ogni legame con qualsiasi tribù, o erano un miscuglio di molte culture con forse un qualche attaccamento sentimentale a una o all'altra.   Non avevano davvero idea di come sarebbe stato vivere in una cerchia ristretta e intima di persone.

Ma sapevano che sarebbe stato solo in Cerchi così piccoli che avrebbero potuto avere una vera uguaglianza, una vera democrazia e la possibilità di creare una società migliore.  Ora spetterebbe a loro creare tribù totalmente nuove.  Ciò significava imparare ciò che c'era di meglio e di essenziale nei vecchi modi tribali e adattarli al mondo moderno".

"Cosa pensavano fosse essenziale in quella vecchia modalitá?"

"Il rispetto, l'uguaglianza, la vicinanza e la cooperazione".

"Devono essere stati molto coraggiosi a uscire dalla società e, beh, a crearne una completamente nuova".

"Non sono sicuro che si considerassero particolarmente coraggiosi, anche se per molti di loro deve essere stata una sfida.  Ma sentivano la forza assassina dei sistemi che dominavano il mondo e semplicemente non potevano più vivere sotto di loro.  Riconoscevano che ogni oppressione ha una base economica, e che essere liberi significava essere autosufficienti, allontanarsi dall'economia dominante.  Hanno capito che producendo e consumando come parte di quell'economia contribuivano alla loro stessa oppressione.  E hanno visto molti esempi intorno a loro di come le comunità possono diventare autosufficienti semplicemente cooperando, mettendo in comune le loro energie e risorse e condividendole tra loro.

Una stanza mostra la prima evoluzione e la migrazione dei popoli su tutta la terra, una stanza si occupa dei cambiamenti da culture pacifiche, cooperative, egualitarie a culture di violenza e oppressione che sono riuscite in un'epoca di diecimila anni a conquistare il mondo intero.  Altre sale mostrano il ritorno di comunità pacifiche, cooperative ed egualitarie, le loro prime lotte per sopravvivere alla cultura dominante della violenza e dell'isolamento che continua ancora nel mondo esterno.  In un'altra sala è esposta la storia delle comunità religiose e utopiche insieme agli scritti di filosofi sociali e leader spirituali.  Infine una sala è dedicata a reti come gli ecovillaggi e il co-housing e alla storia dello sviluppo dei Villaggi della Via del Cerchio.  Qui siamo accolti da un'altra citazione:

"Credo che la verità disarmata e l'amore incondizionato avranno l'ultima parola nella realtà".

- Martin Luther King, Jr.

Le case

È stata una mattinata piena - un sacco di cose da assimilare - ma ora è il momento di rilassarsi, di fare un pranzo a buffet in albergo e di parlare tra di noi di quello che abbiamo visto.  Abbiamo molte domande, ma la nostra guida ci propone di aspettare, sentendo che impareremo molto solo vedendo il tutto, e che le nostre domande saranno meglio nutrite dopo aver visto l'intera portata del Villaggio.

Dopo pranzo c'è del tempo libero, per una siesta o per socializzare o per passeggiare nei campi che abbiamo attraversato lungo la strada o in uno dei luoghi che abbiamo visitato.  Ci viene chiesto di non andare ancora in luoghi che non abbiamo visitato con la nostra guida.

Tra un paio d'ore arriva una nuova guida e il nostro tour continua.  Torniamo dietro gli ultimi edifici che abbiamo visitato e ci vengono mostrati la caserma dei pompieri, gli spazzaneve e un edificio per la costruzione, la riparazione e la manutenzione generale, i fienili, le stalle e altri edifici agricoli, oltre i quali si estendono i campi dove possiamo vedere crescere patate, mais, grano e soia.  Al di là di essi si trovano tre turbine eoliche che ruotano lentamente, e ci viene detto che producono elettricità più che sufficiente per tutto il Villaggio.

Sopra gli edifici della fattoria si trovano le case di zuccheraggio dell'acero e di pressatura del sidro e i frutteti di meli, peri, peschi, ciliegi, ciliegi, noci e qualche altro albero.  Attraversiamo di nuovo i giardini fioriti dietro il centro culturale e vediamo molti stili diversi, tra cui un giardino all'inglese, un giardino alla francese, un giardino giapponese, un giardino cinese, un giardino di rose, un giardino di tulipani, un giardino roccioso e un grande labirinto di siepi spesse alte quasi tre metri.

Al di là dei giardini fioriti si trovano gli orti.  Anche in questo caso molti stili di coltivazione sono esposti in filari e in varie forme geometriche.  Anche molte serre.  Naturalmente tutte le coltivazioni del Villaggio sono biologiche, ci dice la nostra guida.  Vengono utilizzati solo metodi naturali di disinfestazione e fertilizzazione.  Non ci sono pesticidi o additivi chimici da nessuna parte.

Gli orti sono abbastanza estesi, sufficienti a rifornire di verdure e bacche le case, i ristoranti e le scuole del villaggio.  Accanto agli orti ci sono anche edifici per l'inscatolamento e la conservazione dei prodotti.

Dopo gli orti possiamo vedere molte case residenziali, le case degli abitanti del villaggio.  Difficile dire quante ce ne siano, perché si estendono su diversi prati e colline e scompaiono nel bosco.  Alcune sono raggruppate intorno a diversi stagni - o forse sono tratti arginati di un unico ruscello.  Le case sono opere d'arte varie e fantasiose, modellate con amorevole e giocosa cura, che esprimono chiaramente la personalità degli occupanti, che senza dubbio hanno avuto parte nella progettazione - e probabilmente nella costruzione.  Le case erano di legno, pietre, mattoni e altri materiali diversi, con porte e finestre fantasiose, torri, torrette, cupole, ali stranamente angolate, abbaini, portici, balconi. Alcune case sembravano un ripensamento di vecchi disegni tradizionali, altre sembravano provenire da un magico regno della terra della storia, altre ancora avevano solo un riferimento alla libera e selvaggia immaginazione dei progettisti.  Molti avevano i solarium ravvivati di verde.  E tutti mostravano collettori solari e scaldabagni sui tetti.

Con la nostra guida abbiamo potuto passeggiare per una strada che girava dentro e fuori le case vicine.  Le persone di queste residenze erano abituate a veder passare ogni giorno qualche piccolo gruppo di persone, e alcuni si avvicinavano alla porta di casa o alzavano lo sguardo dalle loro aiuole per seguire il nostro passaggio.  Dietro di noi c'erano altri due piccoli tour, con guide che parlavano tedesco e giapponese.  Alcuni di noi hanno tenuto in mano le macchine fotografiche, e gli abitanti del villaggio hanno sorriso e posato con orgoglio davanti alle loro case, il che ci ha fatto sentire benvenuti e un po' connessi.

Abbiamo notato che alcune case erano molto piccole, in grado di ospitare solo uno o forse due adulti, mentre altre erano chiaramente più grandi delle case unifamiliari.  La nostra guida ci ha spiegato che alcune persone preferiscono vivere da sole e semplicemente, altre vivono con un'altra persona in una relazione molto stretta, forse coppie anziane o molto nuove, o coppie dello stesso sesso che potrebbero scegliere di non avere figli.  Alcune delle case più grandi ospitano altri tipi di relazioni: diverse persone che vivono insieme come famiglia in accordi sessuali aperti e non monogami, che possono essere di natura etero, omosessuale o bisessuale.  C'erano anche edifici più grandi per persone che preferiscono vivere in appartamento, condividendo le stanze comuni e forse anche cucine e sale da pranzo comuni.  Alcuni degli edifici più grandi erano case per bambini, dove i giovani potevano scegliere di vivere insieme agli amici della loro età.  Questi erano dotati di una famiglia di adulti che potevano assistere nel loro bisogno, ma i bambini avevano i loro cerchi e decidevano da soli la maggior parte delle condizioni di vita.  Naturalmente gli adulti avrebbero tenuto d'occhio la loro salute e la loro sicurezza e avrebbero dato una mano dove i bambini avrebbero potuto rimanere in relazione tra loro - o con altri adulti.  Ma siamo rimasti sorpresi - forse scioccati è più preciso - di apprendere che anche i bambini potrebbero decidere da soli se e quando e se devono cercare strade per la propria educazione, andare a scuola o meno, e non vediamo l'ora di saperne di più sui programmi di apprendimento del Villaggio quando visiteremo le scuole più tardi.

Ci è stata anche mostrata una casa della comunità - ce ne sono molte - dove la gente del quartiere si riunisce per giocare o lavorare insieme, per organizzare cene di comunità, per guardare insieme film o programmi speciali.  Abbiamo chiesto della televisione e ci è stato detto che alcune persone hanno la loro, ma la maggior parte non ce l'hanno, trovando la maggior parte dei programmi insidiosi invasori e ladri del loro tempo prezioso.  I giochi per computer non riguardano la violenza e la competizione, ma mostrano molta creatività nei giochi sulla cura delle persone, dell'ambiente e degli animali, sulla musica e le storie - fantasie di avventura, amore e sviluppo spirituale.

Ora entriamo in un sentiero che porta nel bosco che si trova direttamente dietro il Villaggio.  La gente del nostro gruppo è in fermento per i commenti sull'accettazione aperta e la facile fusione di vari stili di vita sessuale in una piccola cittadina pittoresca che fino ad ora appariva abbastanza tradizionale.  Ci sono un sacco di risatine e qualche tranquillo pensiero profondo.

La questione della Spiritualitá

La nostra guida inizia ora a parlare della vita spirituale del Villaggio mentre passeggiamo tranquillamente e ammiriamo la riverente bellezza della foresta.  Il baldacchino è alto sopra di noi, e la luce del sole lo trafigge solo in stretti pozzi che scendono attraverso il buio per illuminare le macchie di verde sul suolo della foresta.  Lo stupore che suscita è quello di una cattedrale naturale e si addice all'argomento in discussione.

"Quando i Villaggi della Via del Cerchio si stavano sviluppando in teoria", dice, "ci si è resi conto che le comunità storicamente intenzionali, progettate consapevolmente, che durano nel tempo, erano tutte spiritualmente fondate.  I monasteri, i conventi, gli ashram e ogni sorta di comunità religiose hanno resistito non solo durante la vita dei fondatori, ma per generazioni, anche per secoli.  La vita dei popoli tribali, che ha funzionato bene fino a quando non sono stati violentemente invasi e dispersi, era anche incentrata su valori spirituali ed espressioni condivise da tutti i popoli.            

"Quando le persone cominciarono a cercare una nuova vita tribale con la cooperazione e la vicinanza l'una all'altra come obiettivo comune, fu un momento nel mondo di poca cooperazione ma di grande dominio e competizione.  Era un tempo di poca vicinanza tra le persone, ma invece di isolamento e di grande solitudine.  È stato un tempo di frammentazione, di molte religioni che si sono confrontate e hanno gareggiato tra di loro, ognuna proclamando di avere la vera parola di Dio, la vera visione della realtà spirituale.  È stato anche un tempo in cui molti, un numero sempre crescente di persone ha abbandonato gli insegnamenti religiosi in cui era cresciuto.  Era un tempo in cui era molto difficile riunire un gruppo di persone che potesse mantenere gli stessi valori spirituali.

Ma questo era esattamente ciò che le madri e i padri fondatori del movimento La Via del Cerchio sapevano essere essenziali. Così, quando si riunirono nelle loro prime conferenze e nei campi per esplorare come vivere insieme la Via del Cerchio, cominciarono a condividere i loro sentimenti spirituali, le esperienze, le idee, i desideri e le espressioni nei loro cerchi.  Osservarono ciò che stava sorgendo tra di loro come comprensioni e valori comuni, e cominciarono a creare nuove cerimonie, nuovi canti, nuove danze e nuove storie che nascevano da questi sentimenti e valori.  Ciò che era sentito come universale e vero nelle vecchie religioni poteva essere onorato e incorporato, ma le nuove espressioni non hanno bisogno di essere fissate e potrebbero evolvere e cambiare continuamente.  Anche mentre gli esseri umani sono in continua evoluzione e cambiamento, e più rapidamente ora, mentre la nostra coscienza si espande in nuovi e più alti regni di comprensione insieme alla nostra crescente conoscenza dell'universo.

E ora ci siamo imbattuti in una grande radura nel bosco, larga forse un centinaio di metri e lunga diverse centinaia.  Al centro della radura c'è un piccolo lago, fermo e sereno, che tiene insieme in silenzio le immagini degli alberi circostanti e del cielo soprastante.  Cominciamo a percorrere il sentiero che circonda il lago e troviamo, a poca distanza e nascosti da arbusti e cespugli, i santuari di tutte le religioni viventi del mondo.  In silenziosa riverenza ci troviamo davanti ad ognuna di esse ed entriamo a contemplarne le bellezze e i misteri.  Passiamo davanti a piccole cappelle, chiese, templi, moschee e santuari per il Vedanta e l'Induismo, il Buddismo (Mahayana, Theravada e Zen), per il confucianesimo e il taoismo (c'è una piccola isola con una casa di meditazione e un ponte verso di essa, come vediamo nei vecchi dipinti cinesi), per gli zoastriani, per gli ebrei, i cristiani (romani, ortodossi e protestanti), i musulmani, i sikh, i giainisti e i bahai.  In fondo c'è una grande area senza edifici e solo poche cose sacre, con centri di fuoco, cerchi di pietra, e boschetti sacri per coloro centrati sulla natura e animisti naturali, come i Celti, le popolazioni indigene delle Americhe e delle isole del Pacifico, il popolo originario dell'Australia, le tribù dell'Asia e dell'Africa, dell'Europa settentrionale e dell'Artico.

In un'ora abbiamo percorso i sentieri spirituali dell'umanità e abbiamo portato nei nostri pensieri la nostra storia comune, che ci ha separato, ma che può anche legarci: la religione,  parola che significa

 "legare di nuovo insieme".

Un luogo di incontro

La nostra guida ci dice che alcuni gruppi usano alcuni di questi santuari per celebrare i servizi tradizionali delle religioni più antiche, e che quasi tutti vengono occasionalmente da uno o dall'altro o forse da ciascuno, per meditare da soli.  Ma la prossima tappa del nostro tour sarà il luogo dove, indipendentemente dalle preferenze religiose, la maggior parte delle persone si riunirà per esprimere i propri sentimenti spirituali.

Usciamo dall'altro lato della foresta per trovare l'anfiteatro - una depressione piatta naturale con una collina semicircolare che si erge sopra di essa.  Ci sono alcuni stand per l'illuminazione in cima alla collina per illuminare gli spettacoli all'aperto, ma per il resto l'ambiente è naturale, e le persone sedute sull'erba della collina guardano oltre il luogo sottostante verso le colline e i prati al di là.  Questo è il centro della maggior parte della vita spirituale del Villaggio.  Durante le tempeste o prima dello sgombero delle nevi viene utilizzato il teatro del centro culturale.  Ma alla gente piace riunirsi qui il più possibile.  Forse dopo aver fatto quel viaggio di preghiera e meditazione abbiamo appena percorso la storia dell'impegno spirituale dell'uomo.  Poi venire qui, sotto il cielo limpido, o le nuvole viaggianti, sotto le stelle o al sole o al chiaro di luna, all'alba o al tramonto, in un tutt'uno con i venti, l'erba, gli uccelli, gli insetti, la paziente resistenza degli alberi, e le colline eterne.

Una volta alla settimana, potrebbe essere al tramonto del sabato, o all'alba o al pomeriggio della domenica, chi vuole festeggiare insieme viene qui, si canteranno alcune canzoni del Villaggio, e qualcuno, un volontario, un anziano o un giovane, un uomo, una donna o una coppia. Potrebbero parlare dal loro cuore per un po', parole che si estendono per legare le anime e ispirare le menti.  C'è un coro di donne e un coro di uomini e un coro di bambini che possono emozionare ulteriormente la gente e, ci viene detto, il più delle volte un pianoforte e alcuni strumenti ritmici vengono srotolati, i ritmi si alzano, e tutto può concludersi con lo spirito che si muove in tutti per una danza estatica e gioiosa.

"Ci sono dei, beh, non proprio dei comandamenti o dei dogmi, ma dei principi spirituali a cui tutti sono d'accordo?

"Non esattamente.  Non sotto forma di un credo o di una scrittura che tutti sottoscrivono - ma - sì.  Suppongo che tutti noi siamo davvero grati di essere vivi, più o meno in soggezione di tutta l'esistenza, dell'universo, della terra.  Penso che siamo tutti d'accordo sul fatto che gli esseri umani sono buoni e che quando facciamo cose cattive non è la nostra natura, ma il risultato di alcune ferite che abbiamo ricevuto.  Probabilmente siamo tutti d'accordo che l'amore è fondamentale per la nostra natura ed è il dono più grande che abbiamo, ma che la curiosità e la capacità di imparare, la giocosità e la capacità di divertirsi, e la creatività, rendendo le cose belle o utili, sono anch'esse fondamentali per la nostra natura.  Queste sono alcune delle cose che ci piace festeggiare insieme".

È una scena bella e piena di speranza che qui evochiamo nella nostra fantasia, immaginando due o trecento persone, tra anziani, adolescenti e bambini, che si dondolano sulla collina davanti a noi, saltando e volteggiando, attingendo l'una dall'altra e dalla musica le meravigliose energie della vita, la creatività, l'amore e la gioia pura.

Un po' di divertimento e di chiacchiere del sabato sera

Anche in questo caso ci viene dato un po' di tempo libero per conto nostro, una scelta consapevole, poiché da questa passeggiata aggiungiamo una nuova dimensione alla nostra comprensione della cultura di questo Villaggio della Via del Cerchio.  Torniamo indietro attraverso spazi ricchi di meloni e di bacche - lampone, fragola, ribes, ribes, lingon, mirtillo e mora - e ci è permesso assaggiare qualsiasi cosa sia matura al nostro passaggio.  Vediamo in lontananza, oltre i campi di alti pini, un grande campo con cavalli e mucche che pascolano liberamente in mandrie separate, e sulla collina oltre le pecore e le capre.

Mentre torniamo indietro verso il Villaggio e il nostro albergo, alcuni di noi osservano il caratteristico campanile che sorge accanto a un edificio che non ci è ancora stato mostrato.  Mentre ci avviciniamo possiamo vedere che si tratta di un carillon con molte campane visibili nelle alte aperture in cima.  Ridiamo come se all'improvviso, come per magia, le campane cominciassero a suonare in una vivace melodia barocca - forse Bach.  Consultiamo i nostri orologi, e sembra che questa effusione di un bel suono attraverso i campi debba segnalare il ritiro del sole e la fine della giornata.

Dopo cena partecipiamo al programma serale all'anfiteatro.  È sabato sera, e ciò che viene offerto è una mostra della creatività delle scuole di arti dello spettacolo.  C'è una commedia in un atto unico sulla vita della comunità del Villaggio, realizzata da un drammaturgo del villaggio e interpretata dagli studenti della scuola di teatro.  C'è una breve recita degli studenti di musica, un pezzo per la piccola orchestra con assoli di soprano e baritono, sempre di un compositore del Villaggio, uno degli insegnanti.  Dopo l'intervallo c'è un nuovo pezzo di danza con tutti gli studenti di danza che si esibiscono in molti stili e si ispirano alla musica popolare di ogni continente del mondo.

Ultimo in programma è il finale di una delle commedie musicali preferite del Villaggio con tutto il coro e l'orchestra del Cerchio in una gioiosa esplosione di canto e danza che contagia tutto il pubblico.   La gente comincia a lasciare il proprio posto e a ballare negli spazi e sul grande palcoscenico.  Lo spirito del posto ci ha catturati e presto siamo tutti in piedi e saltiamo felicemente insieme agli abitanti del Villaggio.

Dopo il concerto torniamo all'ostello, dove un piccolo gruppo di abitanti del Villaggio si unisce a noi e si interessa della vita di noi visitatori.  Uno del nostro gruppo, riferendosi al nostro tour dei santuari nel pomeriggio, chiede ai residenti come il Villaggio si relaziona con le religioni dei nativi.

"Uno dei nostri primi fondatori era un nativo americano che seguiva i metodi tradizionali del suo popolo.  Ci ha detto che la loro via non era rappresentata in una religione, non aveva costituzione, né gerarchia, né scritture, che era un percorso spirituale, uno stile di vita, ognuno guidato dal suo rapporto con lo spirito di tutto il Creato.  Sottolineava che le persone non dovrebbero imitare le altre culture, anche se si potrebbe imparare qualcosa da ognuna di esse.  Pensava che le persone potessero attingere in particolare alla propria personale eredità culturale, che naturalmente puó  essere un misto di molte, ma che tutti noi avremmo fatto meglio a ricercare più a fondo nel cuore e nell'anima del Creato".

"E come si fa?"

"Uno dei peggiori effetti della società moderna è stato quello di isolarci tutti, gli uni dagli altri, dalla terra e dal mondo naturale.  Tutti noi potevamo sentire quella perdita con una tristezza terribile.

Possiamo sapere chi siamo solo in relazione al resto del Creato, e quando ci separiamo diventiamo persi e pazzi.  Quindi dobbiamo prenderci più tempo per entrare e imparare la nostra affinità con tutta la vita.  Al raggiungimento della pubertà i nostri figli trascorrono del tempo da soli nella natura, e la maggior parte delle persone scelgono di creare legami più profondi con la terra e con i nostri parenti vegetali e animali.  Sono tempi felici che sembrano riempire un bisogno in tutti noi".

"Ho notato una citazione di Martin Luther King Jr. sull'amore incondizionato".  Fa parte del suo sistema di credenze?".

"Beh, naturalmente, come vedete non abbiamo un sistema di credenze comuni apertamente dichiarate.  Ma sospetto che tutti qui sarebbero d'accordo con il dottor King sull'amore incondizionato.  Alcuni ritengono che il nostro obiettivo principale nella vita oltre la sopravvivenza sia quello di essere felici e portare felicità agli altri.  Alcuni sentono che è il continuo imparare.  Alcuni credono che sia evolvere una coscienza spirituale superiore.  Come insegnante, ho scoperto che i miei studenti imparano di più e meglio quando sono felici.  Portare la felicità agli altri è una forma d'amore.  Amare è essere felici.  Ed è l'amore che incita la nostra più alta consapevolezza estatica e guida la nostra evoluzione.

"Non ci sembra una credenza, ma un fatto, che gli esseri umani sono tutti nati buoni.  Guardando un neonato ci rendiamo conto di quanto sia innocente e dolce quel piccolo, con i nostri sentimenti più teneri.  Possiamo guardarli poi mentre crescono, tutti con la loro eccitazione di essere vivi, la loro curiosità per tutto.  Quanto velocemente imparano, il loro incessante senso del divertimento e della giocosità.  Ecco, tutti siamo cosí buoni. I nostri tratti negativi non si manifestano finché non siamo trattati in modo negativo.  Quindi, naturalmente, qui facciamo del nostro meglio per trattare i nostri figli in modo positivo e di sostegno".

"Anche quando si comportano in modo negativo e sono distruttivi?

"Soprattutto allora.  Naturalmente, interrompiamo qualsiasi maltrattamento che li vediamo fare, ma lo facciamo senza rabbia o biasimo, cerchiamo di capire i loro sentimenti e di dare loro spazio per uno sfogo innocuo.  Sappiamo che stanno soffrendo e non aiuta aggiungere altro dolore.  Sappiamo che non amano sentirsi come si sentono.  Questo vale per tutti noi, a qualsiasi età.  Quando un bambino o un adulto si comporta in modo poco amorevole o distruttivo, sappiamo che non è quello che sono veramente.  Vediamo che sono intrappolati in una sorta di angoscia, e non ci è d'aiuto aggiungerne altro".

"Allora cosa fate?"

"Li ascoltiamo.  Li aiutiamo a esprimere i loro sentimenti fino a quando non riescono a superare il loro pensiero migliore, proveniente dal vero luogo umano che si trova dentro di loro.  Cerchiamo di farlo con leggerezza e umorismo, e di far sapere loro quanto ci preoccupiamo per loro".

Alcuni abitanti del Villaggio ci chiedono le nostre impressioni sulla loro piccola città, e possiamo dire che qui l'ascolto è una cosa che fanno molto bene.  Ci fa sentire interessanti ed accettati - una delle cose che ci porteremo via da questa visita.  Poi ci ritiriamo e ci addormentiamo all'istante e dolcemente.

Il clan: il cuore del Villaggio

La mattina veniamo svegliati dalle guide, che ci chiedono immediatamente di condividere i sogni che riusciamo anocra a ricordare.  Questa è una pratica della maggior parte delle famiglie e della casa dei bambini, ispirata alla tradizione di una tribù malese.  Un abitudine che ci insegna che ognuno di noi ha sogni eccellenti e molto importanti, ricordandoci l'insegnamento positivo che si può trovare in ogni sogno.

Poi, sempre secondo l'usanza del Villaggio, ci riuniamo prima di colazione in una casa estiva circolare (una piattaforma con un tetto su pali, senza muri, e panchine intorno che possiamo spostare per essere il piú vicino possibile a secondo della grandezza del cerchio) Noi presenti saremo il nostro clan per il fine settimana, e ci viene detto di passare un bastone della parola e di prestare rispettosa attenzione a ciascuno che tiene il bastone durante la prossima ora.  Siamo in sei, quindi decidiamo che il responsabile del tempo ci informerà dopo nove minuti, in modo da poter finire i nostri pensieri entro dieci minuti e tutti avranno lo stesso tempo.  Le nostre uniche linee guida sono di parlare sinceramente e con il cuore, con la certezza che ciò che diciamo non verrá ripreso al di fuori di questo cerchio, e di non interrompere o commentare come ascoltatori se non per mostrare con le nostre espressioni la nostra comprensione e il nostro apprezzamento dei sentimenti dell'altro.

Più tardi la nostra guida ci racconta che clan come il nostro si incontravano in antichitá e si riunivano ogni mattina in questo modo.  I clan, ci viene detto, sono il cuore stesso del Villaggio, l'anima della Via del Cerchio.

"Iniziamo la giornata", dice, "rivedendo i punti salienti, le scoperte e i successi del giorno precedente, cancellando i nostri sentimenti ed esplorando nuovi pensieri. Quest'idea dei clan è stata creata nei primi giorni del movimento". Ai vecchi tempi tribali si nasceva in un clan che si conservava per tutta la vita, ma nei nostri primi esperimenti i clan erano temporanei, fino a quando non saremmo arrivati ad impegnarci per la terra e l'uno per l'altro. Negli incontri lunghi abbiamo scoperto che bastavano da cinque a dieci persone perché tutti potessero essere ascoltati in breve tempo. Così, man mano che i nostri clan crescevano, ci separavamo sempre in gruppi più piccoli per i Cerchi di discussione.  Domande su questo?

"Siete sempre nello stesso clan?"

"Sì, in pratica.  In teoria siamo sempre liberi di passare a un altro clan, se lo desideriamo.  Ma non lo vogliamo. Una volta che conosciamo le persone del nostro clan inizia a crescere un legame che è forte come la famiglia e nessuno vuole andarsene. Come ai vecchi tempi, il clan fa parte della vostra identità, come la vostra famiglia, la vostra tribù o la vostra nazione. Questo sembrava funzionare bene per i nostri antenati, e ora lo troviamo meraviglioso per noi stessi.

"Il nostro sviluppo dai primi congressi e workshop includeva una fase di campi dove potevamo sperimentare una nuova forma di vita tribale per una settimana o più, Poiché i campi potevano avere da tre a cinquecento persone, i clan hanno assunto un ruolo essenziale. Le persone venivano assegnate ai clan in modo casuale all'inizio del campo.  Anche se le persone non si conoscevano e potevano essere diffidenti all'inizio, il Cerchio mattutino dei clan li portava così vicini l'uno all'altro che spesso sentivano che il loro gruppo era ordinato da una qualche intelligenza. Spesso questi clan volevano incontrarsi dopo il campo durante l'anno, e alcuni si trasferivano insieme nelle fattorie e costruivano case insieme, e molti decidevano di riunire il clan in ogni campo che veniva organizzato.

"Così, quando abbiamo iniziato a costruire il primo Villaggio della Via del Cerchio, avevamo alcuni clan già pronti, e abbiamo ideato sistemi per creare nuovi clan e assegnare loro delle persone. Abbiamo chiesto alle persone di accettare di rimanere con il loro clan per almeno tre mesi prima di pensare di cambiare. Ma nessuno vuole cambiare dopo qualche settimana di avvicinamento agli altri.

"C'è una vicinanza, un legame, che si forma quando la gente comincia ad abbandonare le maschere protettive e le armature e a intravedere i bambini innocenti, amorevoli e gioiosi che sono la nostra essenza immutabile. Questo legame con gli altri è spesso la relazione più forte, più cara e più piena di speranza che la gente abbia mai conosciuto.  Speranzosi perché attraverso di loro possiamo vedere chiaramente la nostra essenza, attraverso di loro possiamo sapere quanto siamo completamente amabili, e possiamo dare liberamente il grande amore che è dentro di noi, possiamo lavorare e liberarci da vecchi schemi che bloccano le nostre energie e distorcono la nostra percezione della realtà, possiamo liberare il potere della nostra creatività e in generale divertirci di più in tutti i momenti della nostra vita".

"Sembra troppo facile.  Troppo bello per essere vero.  Non stai dipingendo un quadro troppo roseo?".

"Forse.  Se pensi che sia tutto qui. Non è un cerchio magico dove ci trasformiamo all'istante. C'è del lavoro da fare, e c'è bisogno di tempo. Ma abbiamo ereditato degli strumenti piuttosto buoni per aiutare noi stessi e gli altri a uscire dai luoghi in cui siamo rimasti bloccati, aiutandoci ad andare avanti e a salire insieme. E il processo, anche se non è istantaneo e può richiedere un po' di tempo, più di quanto ci aspettiamo e desideriamo, non è davvero doloroso. Mentre andiamo avanti insieme intimamente nella vita dell'altro, ci rallegriamo e celebriamo i nostri progressi".

"Come possiamo imparare di più sul vostro processo?"

"Beh, è troppo da trasmettere adeguatamente nel breve periodo di tempo in cui siete qui ora.  Potreste tornare per il campo estivo che teniamo qui per due settimane e imparare molto - divertitevi anche voi.  E c'è molto da scrivere - ti daremo una lista di pubblicazioni, la maggior parte delle quali è disponibile in libreria qui. Potreste anche decidere di rimanere più a lungo, partecipare a una delle nostre lezioni e fare parte di un clan per tre mesi. Oppure potreste trovare un insegnante nella zona in cui vivete.  Oppure seguire un corso attraverso Internet".

"Mi interessa come funziona per voi, questo concetto di vicinanza tra le persone che qui sembra centrale".

"Ok - ma prima, cosa ne pensi di questo concetto?"

"Beh, ho pensato che sarebbe bello essere in una comunità che collabora e si aiuta a vicenda. Ma non vorrei essere sempre così vicino alle persone. Mi piace il mio spazio".

"A tutti piace. Ma abbiamo tutti idee diverse su quanto spazio e su quanto tempo o spesso vogliamo stare da soli. Come in ogni villaggio le persone qui trovano lo stile che fa per loro. Solo che qui qualcuno verrá da voi se non siete venuti alla riunione del clan, solo per essere sicuri che stiate bene e non abbiate bisogno di aiuto."

"Beh, è una bella cosa. A volte vorrei avere più amici, ma francamente non trovo molte persone che mi piacciono o di cui mi fido".

"Capisco. Ma questo è l'effetto di un sistema che isola le persone e le fa competere per sopravvivere. Alcuni dei nostri fondatori hanno avuto l'esperienza di antiche comunità rurali e di villaggi tribali in cui tutti sapevano tutto di tutti fin dalla nascita e lavoravano e giocavano tutti insieme. Hanno deciso che quando le persone vivono vicine e non si sentono minacciate ma si sostengono a vicenda, sono naturalmente rilassate, amichevoli, giocose e divertenti. Stiamo solo cercando di permettere la naturale vicinanza degli esseri umani, e stiamo scoprendo che funziona davvero per noi. Non ci innamoriamo l'uno dell'altro a prima vista, ma ricordiamo che i modelli che non ci piacciono in noi stessi e negli altri sono stati plasmati da un sistema che aveva bisogno di controllarci, quindi ci prendiamo il tempo di ascoltare con rispetto, di conoscerci l'un l'altro. Più sappiamo, più capiamo, più capiamo, e quando capiamo qualcuno iniziamo ad amarlo.  Non possiamo farci niente. È umano".

"Il nostro sistema pretende di essere il più avanzato e intelligente mai concepito".

"Così intelligente che il sei per cento della popolazione mondiale possiede la maggior parte delle risorse del mondo e vive in condizioni di benessere, mentre il novantaquattro per cento vive in povertà, è malnutrito, mal alloggiato e senza cure mediche adeguate. Così intelligente da distruggere il proprio ambiente, inquinando l'aria e l'acqua, erodendo il suolo e cambiando pericolosamente per la prima volta il delicato equilibrio tra la terra e il sole. Così intelligente che le persone sperimentano sempre più stress, più isolamento, meno senso di appagamento e benessere, meno amore, più violenza, meno gioia, più ansia".

"La Via del Cerchio deriva dai sistemi sociali di uguaglianza e interdipendenza che si sono sviluppati e sono stati utilizzati e migliorati in oltre due milioni di anni per l'evoluzione umana. Tutti i nostri antenati un tempo vivevano in un tale sistema di cura reciproca e di cooperazione in modo pacifico e soddisfacente, fino a quando il sistema non è stato strappato via da loro con la forza e la violenza. Il passaggio dalla cooperazione e dalla cura al dominio e allo sfruttamento è iniziato lentamente in alcune aree del mondo circa diecimila anni fa, prima dell'invenzione della scrittura e della storia scritta.

I vecchi Cerchi tribali si prendevano cura di ogni membro dalla nascita alla morte e fornivano la vicinanza necessaria per nutrire la cura e l'amore umano". Sembra che durante il rivoluzionario passaggio all'agricoltura in alcune delle aree più fertili le popolazioni abbiano cominciato a crescere e ad allontanarsi dai vecchi piccoli Cerchi e clan dei villaggi tribali. La vicinanza e la cura sono state vittime di questo cambiamento.  Senza una tribù che si prendesse cura di loro e di loro, la gente doveva contare solo su se stessa. Nacque l'individualismo, e con esso l'insicurezza, la solitudine e la paura. La paura genera egoismo, disonestà, avidità, sfruttamento e violenza - i segni distintivi della civiltà in via di sviluppo che è cresciuta per conquistare il mondo e tutti i suoi pacifici popoli tribali e che si è mantenuta in piedi con quella paura e quella violenza per diecimila anni.

"Conoscete le storie, tutte le guerre e le conquiste, la schiavitù, l'oppressione e lo sfruttamento della maggioranza povera da parte della minoranza ricca e potente che ha assoldato e controllato i guerrieri. Ci furono ribellioni contro il dominio da Spartaco ai baroni di Runnymede, agli americani, ai francesi, ai russi, ai cinesi e a tutte le altre rivoluzioni che riuscirono solo a cambiare i padroni e non i sistemi di disuguaglianza e di dominio.

"Fino a quando, nell'Ottocento e soprattutto nell'ultima metà del Novecento, alcune persone non hanno cominciato a combattere il sistema, ma ad abbandonarlo. Nacquero nuove comunità, comunità intenzionali con uno scopo e una filosofia dichiarati. Poiché non avevano esperienza di vita tribale, la maggior parte di loro si sciolse nella confusione, eppure con ogni esperimento si imparò qualcosa.

"La gente studiava la storia dei sistemi sociali e delle comunità, e le persone con esperienza tribale cominciavano a venire fuori, e cresceva un nuovo desiderio spirituale di inclusione, di vicinanza, di cooperazione e di amore. Si tennero seminari, workshop e conferenze per esplorare la comunità. La gente cominciò a organizzare campi estivi per sperimentare la vita tribale, vivere in cerchio e creare una cultura che si adattasse alle proprie esigenze.

"I campi, che continuiamo a tenere in estate in molti Villaggi Circle Way come questo, danno a tutti l'esperienza della vicinanza nei clan, la costruzione di una nuova cultura e di un nuovo sistema sociale basato sulla nostra comune eredità, interrotta per millenni.  Alla fine di ogni campo la gente non poteva che esprimere la propria riluttanza a tornare alla vita sotto il vecchio sistema, la corsa e lo stress, e la nostalgia per il campo della prossima estate. Non passò molto tempo prima che alcuni di loro avessero il coraggio di acquistare terreni per un nuovo villaggio".

"Come è cominciato?"

"Ci sono stati molti raduni nei fine settimana per un bel po' di tempo, dato che i cerchi avevano molte cose da sistemare. In primo luogo, una chiara dichiarazione scritta di missione del loro intento, di come volevano vivere e relazionarsi tra loro, con altre persone e istituzioni, con i loro figli e le generazioni future, con altre creature e con la terra. Nel frattempo continuava la ricerca della terra e la raccolta di fondi per il progetto.  Era difficile, dicono, perché era tutto nuovo, non avevano una guida per quello che stavano facendo. Ma deve essere stata emozionante anche l'idea di costruire davvero il loro mondo, e probabilmente questo li ha sostenuti e li ha fatti andare avanti".

"È stato difficile quando finalmente hanno ottenuto un terreno e si sono trasferiti lì?

"Certo che è stato faticoso, perché si accampavano e costruivano tutto da zero. Ma hanno detto che era una grande gioia perché quello che dovevano fare era semplice e chiaro.  Avevano già fatto piani e progetti per tutte le necessità di base, per l'alloggio e per il cibo e il carburante e le medicine, e dovevano solo mettersi al lavoro e iniziare a costruire il sogno".

"Come ha funzionato finanziariamente?

"Alcune persone avevano professioni lucrative nell'economia tradizionale e hanno continuato a lavorare per alcuni anni per aiutare a finanziare il progetto. Alcuni sono riusciti ad ottenere donazioni da persone interessate e finanziamenti da organizzazioni, e man mano che il progetto riceveva più pubblicità e attirava l'attenzione, molti altri inviavano donazioni e contribuivano con materiali e tempo. Dopo la prima fase di costruzione sono stati in grado di costruire produzioni artigianali, compresi i prodotti agricoli, l'artigianato, i manufatti e i servizi professionali.

"Venite, lasciate che ve lo mostri".

L'economia del villaggio

La guida ci conduce ora al grande edificio che si trova accanto all'hotel. L'elenco delle camere nel foyer indica che è pieno di uffici. Alcuni sono per la gestione del Villaggio, una sorta di municipio, e gli altri sono gli uffici domestici di molti esercizi commerciali.  Ne sbirciamo alcuni e salutiamo la gente che vi lavora duramente. Una persona che ci parla è responsabile del Circle Way Network Center, dove si comunica con le centinaia di altri Circle Way Villages in tutto il mondo. Si stanno prendendo accordi per i visitatori provenienti da altri villaggi e per gli abitanti del villaggio per visitare altri villaggi, per scambiare lavoro e competenze, per insegnare o per imparare. C'è anche una rete commerciale attiva, soprattutto all'interno della bioregione locale, ma anche con i villaggi lontani in tutto il pianeta per le loro specialità.

Anche qui, al piano terra, ci sono gli uffici che gestiscono i programmi, le scuole, le pubbliche relazioni e la divulgazione del Villaggio, l'ufficio postale e la Banca del Villaggio. L'attività di sensibilizzazione comprende la partecipazione ai programmi globali della Via del Cerchio per la pace in aree tormentate, per il soccorso di emergenza ambientale e medico. Abbiamo saputo che c'è un team del Villaggio che aiuta a ricostruire una città in Iran dopo un disastroso terremoto.

"È rincuorante vedere la vostra preoccupazione per il benessere delle altre persone che soffrono nel mondo".

"Certo. Questa preoccupazione è umana e condivisa in una certa misura da tutti nel mondo. Ma questa preoccupazione è smorzata dall'ansia insita nel loro sistema economico".

"Quindi avete elaborato un sistema che fornisce sicurezza assoluta per tutti? Lo chiamereste socialismo?"

"Ok, possiamo prenderci qualche minuto per questo. Chi non è interessato si senta libero di guardarsi intorno, sbirciare negli uffici, fare domande.

"Socialismo. Beh, io non userei quell'etichetta perché è associata ai governi che hanno usato il potere per far rispettare i programmi per paura. Finché l'economia sarà uno strumento del grande governo e del grande business, degli stati nazionali e delle corporazioni internazionali, sarà controllata dalla ricchezza, dai ricchi e dai potenti, sia che la chiamino capitalismo o socialismo, democrazia, repubblicanesimo o altro. Tutta quella ricchezza è dedicata a preservare lo status quo, ad indottrinare le persone attraverso i media, ad isolare le persone e ad assicurare la loro conformità, dedicata ai sistemi militari, di polizia e carcerari che mantengono l'egemonia dello stato e dell'industria. Per sostenere questo sistema le persone lavorano a lavori estenuanti e stressanti e spesso più di un lavoro per poter comprare, comprare, comprare, comprare sempre di più e seppellire la bellezza della terra nella spazzatura e nell'inquinamento.

"È una cultura immorale, senza anima né cuore, che pone il profitto e le cose materiali al di sopra di tutti gli altri valori. La maggior parte del mondo lotta per sopravvivere ogni giorno in una prigione di povertà, mentre viene sfruttata dai pochissimi beneficiari del sistema.

"Questi pochi dicono di voler aiutare il resto del mondo a raggiungere la libertà, la democrazia e la ricchezza materiale. Sono stati fatti il lavaggio del cervello pensando, nonostante tutte le prove del contrario, che sono veramente liberi e uguali, che hanno una vera democrazia, e che le cose materiali li renderanno felici e soddisferanno il desiderio delle loro anime. In quella parte ricca del mondo la gente si sta prendendo un giorno di riposo dal lavoro e dai problemi che vuole dimenticare guardando storie e giochi fatti da altre persone in televisione e sugli schermi dei computer. Se non lo fanno, sono impegnati in piani di furto e corruzione, sedandosi con alcol e altre droghe, o esplodendo dalle loro frustrazioni con rabbia e violenza.

"Gandhi credeva che se la sua gente potesse semplificare la propria vita all'essenziale, potrebbe fare da sola ciò di cui ha bisogno e condurre una vita spiritualmente soddisfacente, rifiutando la Gran Bretagna e tutti i valori di quel sistema. Credeva che lo scopo di tutto il lavoro fosse quello di avvantaggiare il lavoratore, non il governo o i finanzieri.  Credeva che con la cooperazione le persone potessero prendersi cura l'una dell'altra e fare e condividere tutto ciò di cui avevano bisogno.  Era una grande idea, ma la gente era già troppo contagiata dai valori materiali del mondo industriale.  Volevano rifiutare la Gran Bretagna ma diventare come gli inglesi stessi.

"Quel sistema economico dipende dalla crescita. Per sopravvivere deve crescere. Deve costruire sempre di più e sprecare la terra, deve far sì che le persone ne facciano di più per poterne comprare di più". È come un cancro. Vuole anche la crescita della popolazione, per fare più lavoratori e più consumatori, e questa è una grande minaccia ora. Gli unici valori che promulga sono i valori della vanità personale, dell'invidia e dell'avidità.

"La risposta all'immoralità e alla vacuità spirituale del sistema doveva nascere dall'interno del sistema stesso, ma ispirata dalle esperienze delle culture del passato che hanno raggiunto un equilibrio di pace, salute e felicità, e un collegamento con il resto della natura, la bellezza e la soddisfazione spirituale.

"Il nostro obiettivo qui è che il popolo, come voleva Gandhi, si riprenda il potere dal governo e dall'industria e faccia tutto per sé".

"Non avete ancora pensato a tutto? E la difesa nazionale? E le autostrade interstatali, il trasporto globale? E la giustizia penale? “

"La necessità di molte di queste persone inizierà a scomparire più le persone si organizzeranno in comunità autosufficienti, e altre potranno essere gestite in rete tra le comunità. Il principio è che la mente umana può creare ciò che vuole. E se le linee guida per questa creatività sono quelle di aumentare la vicinanza, la fiducia e l'amore, l'uguaglianza e la libertà e il divertimento, allora questo è il tipo di mondo che faremo". “

"Allora, come funziona la vostra economia?

"Andiamo subito in banca a farci un'idea. Come noterete il nostro sistema finanziario, internamente e in rete con gli altri villaggi, tenete a mente gli ideali di Gandhi di semplicità, cooperazione e condivisione, e la nozione di vicinanza umana e di scala umana a tutte le attività umane".

La visita alla Village Bank ci dà la possibilità di conoscere meglio l'economia e la proprietà del Villaggio. Tutti i terreni e gli edifici sono di proprietà comune della Village Corporation, che è di proprietà di tutti gli abitanti del villaggio. Gli edifici sono costruiti con il denaro e la manodopera del Villaggio, ma come abbiamo visto i proprietari delle residenze sono stati i principali consulenti per la loro progettazione. I profitti di tutte le attività commerciali e dell'occupazione al di fuori del Villaggio vanno tutti al Village Fund. Gli abitanti del Villaggio possono richiedere denaro per alcuni acquisti esterni, ma le necessità di base di alloggi, cibo, vestiti, carburante, medicine, forniture per la casa, compresi gli apparecchi elettronici come l'audiovisivo, il computer e il telefono, così come gli strumenti musicali, sono generalmente prodotti e forniti gratuitamente dalle aziende del Villaggio. Si potrebbe dire che sono di proprietà individuale, ma i "proprietari" si considerano più come custodi di queste cose materiali.

I veicoli sono tenuti in comune, e chiunque ne abbia bisogno per qualsiasi scopo non deve far altro che richiederli, oltre al denaro per il carburante, e forse anche per il vitto e l'alloggio se si tratta di un lungo viaggio. I viaggi di vacanza dovrebbero essere richiesti con largo anticipo, ma possono essere di qualsiasi durata o frequenza.

Immediatamente noi visitatori chiediamo se queste politiche non portano ad abusi da parte di alcuni individui.

"La vostra domanda è comprensibile", dice con un sorriso la nostra guida, "che proviene dalla vostra cultura dell'individualismo, della competizione, della scarsità e della vostra associazione della felicità con le cose materiali. Ecco perché qui le persone non vengono inserite nel sistema come cittadini a pieno titolo per un anno dopo il loro arrivo. A quel punto la vicinanza nei clan e nel Villaggio ha cambiato la persona da individualista che si preoccupa di se stesso a membro della tribù che si preoccupa di tutti.

Le persone non vogliono molti gadget e giocattoli quando hanno l'un l'altro, quando ci si diverte così tanto a giocare con gli amici e a creare nuove meraviglie. E nessuno vuole stare molto lontano dal proprio clan e dalla propria tribù. Gli adulti qui saranno solidali con voi perché si ricordano com'era prima di avere l'un l'altro. Ma i bambini pensano che sia strano che la gente là fuori voglia sedersi affondata nella televisione o nei giochi per computer, o pagare tonnellate di soldi per ascoltare qualche superstar quando possono fare la loro musica. Non vogliono ubriacarsi di alcol o droghe quando potrebbero diventare completamente strafatti solo cantando e ballando e giocando insieme".

"E questa politica dei viaggi?"

"Beh, ad alcuni piace stare a casa perché qui sono impegnati in modo creativo, ad altri piace fare piccoli viaggi per vedere qualcosa di diverso o visitare i parenti, ma subito manca la vicinanza e l'amore e così si affrettano a tornare. E alcune persone amano viaggiare. Vogliono vedere il mondo intero. Per fortuna siamo cresciuti a tal punto che ci sono i nostri Villaggi in ogni continente, e possiamo organizzare viaggi e visite a costi molto contenuti, soprattutto con i veicoli a energia rinnovabile che abbiamo sviluppato.  Alcuni di questi viaggiatori abituali vengono coinvolti nel nostro progetto in altri Villaggi o in programmi di sensibilizzazione. E alcuni fanno molte pubbliche relazioni, conferenze e piantano semi in tutto il mondo per i nuovi Circle Way Villages.  Aiutano altri ad iniziare".

"E così questa completa condivisione di reddito e proprietà funziona per tutti?

"Una volta capito che non c'è davvero scarsità, non c'è niente che non si possa ottenere, non ci si preoccupa certo nel condividere tutto. Tutti ricordano com'era avere un sacco di cose e volerne sempre di più. E quando si ha di più, per quanto si possa avere ancora di più, c'è poca gioia. Troppo stress, non abbastanza divertimento. Troppo isolamento e solitudine, non abbastanza vicinanza, comprensione e apprezzamento. Troppo alto il prezzo da pagare per cose di cui non si ha realmente bisogno o di cui non ci si riesce ad occupare.

"All'inizio alcuni Villaggi usavano il sistema del credito di lavoro, simile a Twin Oaks e Walden Two. Forse alcuni li usano ancora - funzionano bene. Ma noi siamo diventati impazienti - troppo simile al commercialismo che ci impedisce la completa uguaglianza e la vicinanza". Volevamo provare qualcosa di più radicale. Eliminare il denaro. Questo funziona nei Rainbow Gatherings. Basta fidarsi della nostra bontà umana e della condivisione di cui non saremmo mai stati privi. E ci divertiremmo di più. Così - l'abbiamo fatto, e lo facciamo".

"Ma tu hai a che fare con i soldi.  Avete una banca".

"Oh sì, non abbiamo ancora convertito il mondo, quindi dobbiamo sopravvivere nella cultura dominante e pagare le nostre bollette lì. La nostra banca usa i fondi per tutte le nostre spese e un fondo di risparmio per le emergenze mediche e altre emergenze, ma anche per la nostra solidarietà, i nostri programmi di soccorso d'emergenza, i prestiti e l'assistenza ai Villaggi in fase di avviamento e ad altre comunità in via di sviluppo. A volte per investire in altri sforzi per umanizzare la società. Ma dovremmo andare avanti e cercare di vedere il resto del Villaggio stamattina, perché questo pomeriggio c'è un concerto che non vediamo l'ora di vedere. Se avete altre domande sulla nostra economia o su qualsiasi altra cosa, stasera avremo una conclusione per tutti i tour con alcune delle nostre persone chiave di tutti i settori".

Nella stanza accanto si trova la minuscola casa d'ospedale con la sua clinica d'emergenza, alcune stanze con letti, un reparto di terapia intensiva e una sezione di riabilitazione. C'è anche un piccolo laboratorio, che produce alcuni dei loro medicinali più usati.

"Il modo in cui le industrie farmaceutiche e mediche sovraccaricano la loro cultura dell'avidità è scandaloso, crudele e immorale", afferma la nostra guida, "Dobbiamo ricominciare a prendere il controllo della nostra guarigione. Avete visto il nostro centro fitness, che fornisce anche aiuti nutrizionali e alternative come l'agopuntura e la meditazione".

Il piccolo ospedale ha un'infermiera e un paramedico con ambulanza a portata di mano e un medico del Villaggio. Sono anche in grado di assistere in caso di emergenza nelle zone circostanti, quando necessario. Alcuni di noi fanno commenti favorevoli sulla portata umanitaria di questo piccolo Villaggio.

"È stato importante nella fondazione dei nostri Villaggi, che il pubblico non li veda come in opposizione alla società dominante, ma come un esperimento pionieristico che è nell'interesse di tutte le persone. Per questo facciamo sempre uno sforzo speciale per entrare in contatto con i nostri vicini, così come con i gruppi sociali, commerciali e governativi". I nostri vigili del fuoco e le unità di assistenza medica sono sempre a disposizione delle comunità circostanti, e collaboriamo con organizzazioni umanitarie come la Croce Rossa e altri enti di beneficenza. Non vogliamo alienare il flusso principale, vogliamo convincerlo a venire dalla nostra parte".

"Credete che lo farà?"

"Beh, sei qui, no?"

Educazione, punizione e gioco

Ovunque siamo andati finora abbiamo trovato piccoli parchi giochi con bambini che ridono e corrono insieme, e sempre qualche adulto che si unisce e segue i bambini. Ora passiamo davanti a un altro parco giochi più grande, con una serie di giochi diversi tra bambini di età variabile dai cinque agli undici o dodici anni. Anche in questo caso sono presenti diversi adulti.

Un ragazzo si è appena fatto male e comincia a piangere. Senza alcuna chiamata da parte di un adulto gli altri bambini fermano immediatamente il gioco e corrono da lui.  Ispezionano la sua ferita e vedono che non ha bisogno di ulteriori cure mediche, ma tutti girano in cerchio per dare un'attenzione comprensiva al ragazzo e incoraggiarlo a piangere di più e più forte. Alcuni gli mettono le braccia intorno e gli mettono la testa contro la sua.

Poi qualcuno gli passa un fazzoletto per asciugargli le lacrime e il moccio dal viso, e lui fa qualche commento che non riusciamo a sentire, ma deve essere divertente perché ride.  Poi tutti ridono, gli scompigliano i capelli e lo abbracciano e tutti corrono indietro per riprendere la partita.

Qualcuno fa un commento su quanto sia diverso il gioco in questo parco giochi rispetto a quelli che ricorda dalla sua infanzia. Se avesse pianto, dice, sarebbe stato chiamato bambino o femminuccia e sarebbe stato deriso e totalmente umiliato, così ha imparato a stringere la mascella e ad ingoiare il suo dolore per mantenere il suo orgoglio. Diceva che era meraviglioso vedere questi bambini che si prendevano cura l'uno dell'altro, mentre i più grandi aiutavano i più piccoli ad imparare e li incoraggiavano. Si chiedeva come avessero imparato a farlo.

"In realtà si trattava più che altro di non imparare i modi isolanti e dolorosi della cultura dominante. Noi esseri umani siamo naturalmente amorevoli e premurosi, purché non siamo mai stati minacciati e non abbiamo motivo di temere. La nostra intera cultura Circle Way può essere compresa al meglio vedendo come cresciamo ed educhiamo i nostri figli. Ogni bambino è così apprezzato che non deve mai perdere la completa stima, la fiducia e la gioia che ha in se stesso fin dalla nascita.

"Tutti ricevono un sacco di tempo speciale da molti adulti e non hanno bisogno di cercare attenzione. Piuttosto imparano fin dalla più tenera età, sia dai modelli degli adulti e dei bambini più grandi, sia dalla naturale inclinazione, a dare attenzione e cure amorevoli agli altri che ne hanno bisogno".

"Imparano anche che è una buona cosa esprimere spontaneamente i propri sentimenti, ridere, gridare, gridare, piangere, per esempio, finché quell'espressione non attacca o ferisce un altro. Imparano con l'esempio e l'istruzione che quando si sentono insultati, frustrati o feriti da un altro, non devono confrontarsi con lui con la loro rabbia e il loro dolore, ma possono cercare un'altra persona e sfogare tutti i loro sentimenti in modo sicuro e completo. Poi sono in grado di entrare in contatto con il ferito e di scoprire una maggiore comprensione e un accordo reciproco su come evitare tali eventi e avere rapporti più stretti in futuro. Imparano che l'espressione dei sentimenti è curativa e deve essere rispettata e incoraggiata".

"Ma i vostri figli non vengono mai trattenuti o puniti?

"Trattenuti, sì, certo; puniti, mai. Naturalmente ci sono dei limiti che devono essere compresi. Sono necessari per la sicurezza, per la salute, per evitare il maltrattamento dello sfruttamento degli altri, di tutti gli esseri, dell'ambiente naturale. Alcuni limiti devono essere imposti fin dalla nascita per proteggere il neonato, ma noi mettiamo a prova di bambino l'ambiente il più possibile, mettendo alcune cose al di fuori della portata dei piccoli che gattonano e dei bambini per dare loro il maggior spazio possibile di esplorare e sperimentare ed evitare il più possibile l'imposizione del "no-no".

"Abbiamo completamente respinto la filosofia della punizione come inefficiente e dannosa per la società e per l'individuo. Abbiamo notato che è stata la fonte della maggior parte dei nostri mali sociali. La prima volta che un bambino viene punito, si installano due nuovi timorosi sentimenti. Primo, che ci sia un nemico, qualcuno che ci farà del male, e secondo, che ci possa essere qualcosa di molto sbagliato in noi. Non è più un mondo sicuro e affidabile. Impariamo a temere i nostri simili".

"Ma sicuri che sia una buona idea?" chiede qualcuno " Non ci si può fidare di tutti. Le persone a volte fanno paura e ti fanno del male. E non sappiamo che i nostri genitori ci amano e ci puniscono perché ci amano?".

"Ci sono persone nel mondo esterno che fanno paura, questo è vero. Ma non nel Villaggio. Alla fine i nostri bambini impareranno la parte della storia negativa dell'umanità, perché impareranno che ogni bambino umano nasce buono e premuroso e divertente, amorevole e creativo. Ma poiché quella società là fuori non protegge i loro bambini e non tratta i loro figli con il rispetto e la cura che abbiamo noi, molti di loro diventano un po' pazzi e fanno del male a se stessi o agli altri.

"È vero che la maggior parte dei genitori ama i propri figli e crede che la punizione sia un modo per aiutarli ad essere migliori, e la maggior parte dei bambini lo capisce. Ma i bambini non credono alle sciocchezze che la punizione sia un bene per loro. Bisogna farsi il lavaggio del cervello e farsi male per accettarlo. Il fatto è che i bambini che imparano e possono essere educati più velocemente, più facilmente e più a fondo usando apprezzamento, lode e incoraggiamento".

"Dovete avere dei bambini che sono nati e cresciuti in quella società prima di venire qui.  Immagino che questo possa rappresentare un problema - come gestite i bambini che si comportano per attirare l'attenzione, che sono arrabbiati e distruttivi e che vogliono fare del male agli altri?

"Beh, c'è molto da imparare sui bambini, più di quanto si possa fare oggi. Abbiamo corsi qui e negli altri Villaggi, per genitori e insegnanti e altri alleati dei giovani, e c'è molta buona letteratura anche su questo nella nostra libreria, alcune le abbiamo pubblicate noi stessi. Quello che posso dire è che non permettiamo mai a nessuno di maltrattare qualcuno o di distruggere le cose di cui la gente ha bisogno. Stiamo molto vicini a tutti i nostri figli e interveniamo per aiutarli quando ce n'è bisogno. Tratteniamo un bambino con amore ma con forza, lo teniamo tra le braccia, e lasciamo che il bambino consumi tutta quell'energia distruttiva urlando, lottando per liberarsi, gridando maledizioni piene di odio, piangendo, per tutto il tempo in cui restiamo calmi e comprendiamo e ci prendiamo cura di lui, fino a quando, quando quei sentimenti sono stati scaricati e il bambino è esausto, possiamo poi ulteriormente assicurare al bambino che lo capiamo e ci prendiamo cura di lui e forse anche fargli parlare del problema e dei suoi sentimenti.  Gli facciamo sapere che, così come non permetteremo che faccia del male a nessuno, non permetteremo mai a nessuno di fargli del male.

"Lo faremo in modo sinceramente amichevole, con leggerezza, e forse con un po' di umorismo e certamente giocoso. Saremo sicuri di stargli vicino, di dargli un tempo speciale per fare le cose che gli piacciono. E cercheremo di far sì che gli altri bambini comprendano la sua lotta e lo accettino e lo aiutino. L'accettazione dei propri coetanei è il più potente motivatore nella società tribale, un'altra buona ragione per cui dobbiamo stare molto vicini".

L'edificio dall'altro lato del parco giochi è la scuola, con aule e laboratori per tutte le età.  Per i più piccoli, quelli che potremmo chiamare l'asilo e la scuola materna, c'é una casetta di fantasia tutta loro, che sembra un misto di fiabe di molte terre. Oggi non ci sono lezioni, la domenica. Alcune delle stanze non hanno mobili, solo cuscini o materassi.

"Da quello che abbiamo sentito oggi, voi non avete la scuola dell'obbligo. I bambini non devono andare a scuola?".

"E' vero. L'educazione è qualcosa che va avanti in continuazione, perché i bambini nascono curiosi e amano imparare. Ma poi vengono mandati a scuola per farsi infilare l'apprendimento in gola fino a quando non imparano a odiarlo. Gli esseri umani sono intelligenti e hanno una mente vivace prima che la scuola inizi i suoi processi mortificanti e li renda stupidi.

"Qui i bambini non sono mai costretti ad andare a scuola, ma la maggior parte di loro lo vuole e non vede l'ora di andarci ogni giorno".

"Deve essere proprio una bella scuola! Non come quella in cui sono andato io!

"Beh, vedete, è la loro scuola. Loro decidono cosa imparare, cosa fare lì, e noi dobbiamo capire quali risorse dobbiamo fornire. Lo risolviamo insieme, come per tutte le questioni del Villaggio. Abbiamo insegnanti che sono entusiasti di aiutarli e di trasmettere loro quell'entusiasmo nell'imparare. Vogliono mostrare ai bambini le meraviglie del Creato, provocare il loro pensiero. Ci sono stati dei modelli per questo, Summerhill in Inghilterra, Sudbury Valley nel Massachusetts, per esempio. E noi continuiamo a sperimentare, lavorando per migliorarlo, con l'aiuto degli studenti. L'importante è divertirsi, far sì che la scuola sia un luogo dove si gioca molto e si ride molto ed è sicuro per i bambini esprimere il loro pensiero e i loro sentimenti.

"I bambini vogliono venire perché è lì che si trovano gli altri bambini e dove c'è l'azione.  Nel mondo esterno la scuola è noiosa: lezioni, compiti, test, voti. Qui la scuola non è mai noiosa".

"Ma come si fa a evitare le grandi aule e la regimentazione? Avete così tanti insegnanti?"

"Abbiamo tanti insegnanti quante sono le persone - tutti sono potenzialmente insegnanti. Naturalmente non tutti lo fanno a scuola, ma molti di noi ogni tanto ci mettono qualche ora per mostrare ai bambini un'abilità, raccontare storie, parlare della vita, portare un gruppo in gita da qualche parte, organizzare un progetto di gruppo, o semplicemente giocare con loro.  La maggior parte dei giovani sono molto intraprendenti e si creano i propri progetti, magari convincendo gli altri a partecipare a un progetto di gruppo. Se c'è un insegnante disponibile e interessato, fantastico, ma se non c'è, lo scopriranno da soli - magari ogni tanto si rivolgono a un consulente adulto.

"Capite che la maggior parte di ciò che la società chiama scuola è solo un magazzino, che tiene i giovani lontani dalla strada mentre la gente va al lavoro. Qui i genitori amano portare i loro figli con sé al lavoro, proprio come facevano i nostri antenati. Sai, una persona potrebbe, non avendo messo piede in un'aula per undici anni, imparare facilmente in meno di un anno tutto quello che servirebbe per superare gli esami e ottenere un diploma di scuola superiore.

"Ma cosa è importante per un essere umano da imparare?  Come fare le cose, come creare, che è facile da insegnare, ma la cosa più preziosa da imparare è come valorizzarsi e prendersi cura di se stessi, come essere entusiasti di vivere e imparare, come godere della compagnia delle persone, come amare.  

Non è così?  

I nostri insegnanti amano davvero i giovani, amano interagire con le loro menti in via di sviluppo.  Vogliamo che l'educazione sia qualcosa di più che diventare produttivi economicamente.  Questa è solo una piccola parte di una vita di successo.  Vogliamo che la nostra educazione insegni ad avere una buona vita.  Sull'amore e sulla relazione, su ciò che porta gioia duratura, su come creare legami più profondi con tutto, con noi stessi, con gli altri, con le piante, con gli animali, con la terra, con il cosmo.  Divinare e dirigere il corso della nostra evoluzione.

"Nella nostra scuola non solo si possono imparare tutte le materie accademiche tradizionali, ma anche seguire corsi di relazioni, di risoluzione dei conflitti, di lavoro per la pace nel mondo, di giustizia sociale ed economica, di cura degli animali, delle piante e dell'ambiente".

"E la tecnologia?"

Oh sì! C'è molto interesse per questo. Ma i nostri giovani sono molto preoccupati di come viene usata la tecnologia. Si chiedono se ciò su cui lavorano andrà davvero a beneficio del mondo. Le armi non li interessano. Ci sono altri Villaggi che sono veramente specializzati in tecnologia, e molti altri studi - medicina e salute, per esempio. Questo Villaggio, come forse avete sentito, è noto per la sua musica e per le sue scuole di belle arti e di spettacolo. Il concerto di questo pomeriggio è un quartetto d'archi di insegnanti che suonano alcuni classici particolarmente belli della tradizione europea".

"Sono ancora interessato alla sua teoria sulla punizione. Cosa succede quando qualcuno trasgredisce qui, fa qualcosa di veramente sbagliato?".

"Abbiamo buoni modelli per affrontare efficacemente queste situazioni tra molti popoli tribali. Non avevano una legge scritta e hanno preso ogni trasgressione come un evento unico da affrontare da parte di un Cerchio, un consiglio di anziani o di capi o consiglieri.  L'unica legge che avevano era quella scritta nel cuore umano.

Lao Tse disse: "Dove non c'è legge non ci saranno criminali".

"La società occidentale non se la berrà mai. Lo stato di diritto è fondamentale per il mantenimento della giustizia e dell'uguaglianza".

"Giustizia e uguaglianza. Sì, queste sono le parole che usa. Ma questo solo in confronto ai sistemi totalitari e feudali del passato. Il sistema giuridico è ancora immoderatamente ingiusto e disuguale. Le carceri sono piene di poveri e di minoranze che non possono permettersi le costose squadre legali che tengono fuori di prigione i ricchi. Non è una ricerca della verità, è una competizione, un sistema conflittuale in cui ogni dipartimento della legge e delle forze dell'ordine è sotto pressione per vincere, per mostrare risultati, e ogni singolo ufficiale e avvocato di quei dipartimenti è sotto pressione per vincere, fissandosi troppo spesso sulla condanna a spese della verità e della giustizia.

"Quattrocento anni fa non c'erano criminali nel continente nordamericano, non c'era uno stile di vita criminale. E quindi niente polizia, niente carceri, niente tribunali, niente avvocati. Dove c'è molto amore e vicinanza e condivisione e non c'è paura, non c'è nessuna motivazione per fare del male".

"La gente preferirebbe davvero divertirsi e non farsi del male a vicenda. Ma gli errori possono ancora essere commessi, e allora chi ha commesso la colpa deve venire a un consiglio dove tutti i fatti devono essere portati alla luce e i sentimenti e i pensieri migliori di tutti devono essere ascoltati. Si cerca una soluzione per la restituzione e la guarigione di chiunque sia stato ferito, così come per riportare il malfattore all'armonia e alla vicinanza con la tribù e con se stesso".

"Questo mi sembra assolutamente idealistico e irrealistico".

"Eppure ha funzionato per gli esseri umani per decine di migliaia di anni. Penso che saresti molto sorpreso di vedere come funziona bene. Come ho detto prima, la motivazione più forte per le persone che vivono in intimità con gli altri è l'apprezzamento e la buona opinione dei loro coetanei. Probabilmente avete un'idea del potere della vergogna, forse avete sentito che in un certo momento, e forse potete immaginare il potere della guarigione della vergogna, di quel terribile isolamento, e il potere dell'accettazione e dell'amore.

"Immaginate se tutti nel mondo fossero membri accettati di qualche Cerchio, se tutti fossero conosciuti e amati per quello che sono. Niente estranei. Sarebbe la guarigione del crimine e del comportamento antisociale, come avveniva nelle precedenti società tribali.  Nei quartieri malfamati i bambini si uniscono alle bande per trovare quell'accettazione - solo le bande stesse sono estranee, non accettate dalla società, e quindi agiscono nei modi spietati che la cultura ha insegnato loro. Tutti gli assassini e gli stupratori solitari sono estranei, sconosciuti alla gente, anche i loro parenti e vicini più prossimi. Quindi quando si diventa abitanti di un Villaggio qui si è a casa, si è una famiglia. Se ti trovi nei guai, la tua famiglia ti starà accanto e ti aiuterà ad andare avanti".

"Accogliete gli ex detenuti, allora?

"Sì, tutti passano attraverso lo stesso processo per diventare membri".

"E questo funziona?" Nessun problema?"

"Non più con loro che con chiunque altro."

"Certo, solo i poveri vanno in prigione, quindi come si fa a sapere chi è un criminale e di chi ci si può fidare?".

"Poiché diamo tanta importanza alla vicinanza, ci conosciamo profondamente e approfonditamente molto presto. Alcuni dei nostri abitanti del Villaggio che sono stati in prigione sono i nostri più forti sostenitori. L'America aveva la più alta popolazione carceraria del mondo. Alcuni dei nostri fondatori hanno creato dei Cerchi nelle prigioni e hanno contribuito a creare i Circle Way Villages, specialmente per gli ex detenuti e le loro famiglie. Questo ha già iniziato a fare una grande differenza nella riduzione della popolazione carceraria e nella conversione delle prigioni in centri di produzione e ospedali e nella riduzione del tasso di criminalità".

Dietro gli edifici scolastici ci sono campi dedicati a sport di vario genere. Ci viene detto che viaggiando in altri Circle Way Villages si possono trovare molti tipi di sport in diverse zone del mondo. Gli esseri umani hanno capito come giocare ovunque. L'arrampicata in montagna, la vela oceanica, il rafting, il rafting, la canoa, il trekking, il golf, lo sci, qualsiasi cosa vogliate, qualche Villaggio probabilmente ce l'ha.

Negli sport agonistici, come in tutto, la filosofia nel Villaggio è di amicizia, rispetto reciproco e divertimento insieme. La gente si sforza a non voler essere migliore degli altri, ma di essere migliore di prima. Sono contenti dei progressi dell'altro come lo sono dei propri.

Si sentono grida e risate da una partita di calcio in corso tra squadre composte da uomini e donne, ragazzi e ragazze. Su un campo da basket una partita e sembra che ci siano tutti i giovani da una parte e tutti quelli di mezza età dall'altra. Tutti ridono, ed è difficile dire chi sta vincendo - o forse non è importante, perché ogni volta che un canestro viene segnato da una delle due parti tutti gridano: Pareggio!

I giovani adulti si stanno applicando con vigore a una partita di pallavolo, e gruppi di  anziani si divertono a giocare a croquet, bocce e shuffleboard.

Si notano ovunque piccole case estive rotonde, alcune con i lati aperti che possono essere chiusi in inverno, altre con pareti permanenti e finestre aperte. La nostra guida ci dice che sono luoghi di ritrovo per i piccoli Cerchi dei vari clan che si incontrano a parlare ogni mattina prima di colazione. I Cerchi più grandi hanno grandi stanze dove si riuniscono, di solito una volta alla settimana, in modo che tutti rimangano in stretto contatto. Altre riunioni del clan possono essere convocate per affrontare i problemi del Villaggio, o di singoli individui, per cantare insieme o per festeggiare in altro modo, per avere giornate di gioco con i giovani, per programmare il lavoro, soprattutto per la cura dei bambini, ma anche per cucinare, per il giardinaggio e così via. Ogni clan è anche responsabile dell'ideazione e dell'organizzazione di una cerimonia o di una celebrazione per l'intero Villaggio ogni anno. Ci sono una serie di feste e sagre durante tutto l'anno che gli abitanti del Villaggio pianificano e preparano con fantasia e alle quali partecipano molti visitatori.

Il concerto pomeridiano si svolge in un'area erbosa dietro la scuola di musica circondata dai giardini francesi, pieni di rose, dove i nostri sensi assorbono gli aromi dei fiori, la leggiadra bellezza delle farfalle, i colibrì, la morbidezza del sole e la brezza leggera, e i suoni degli uccelli e degli insetti insieme a quelli di Haydn, Schubert e Brahms amorevolmente affrontati dal quartetto.

Tornati in albergo nel tardo pomeriggio abbiamo fatto le valigie a malincuore e stiamo aspettando il carro che ci riporterà in città e i nostri autobus e treni per tornare a casa.

"È molto da racchiudere in due giorni", dice uno di noi alla nostra nuova guida, che é lì per rispondere a tutte le ultime domande.  "Voi fate un ottimo lavoro mostrandoci tante cose e aiutandoci a capire come funziona. È certamente impressionante. Un mondo così completo, molto diverso, ma pieno e ricco di creatività ovunque".

"Mi apre gli occhi", dice un altro, "Avete fatto così tanto qui. Qualcosa su cui riflettere".

"Questo è certamente bello", dice un altro del nostro gruppo, "Ma parte della vostra  visione qui è di essere un modello per il mondo della vita pacifica e cooperativa".  Qui siete solo un migliaio, e ci sono, cosa - un altro migliaio di Villaggi come questo in tutto il mondo? “

"Alcuni sono più grandi ora, ma nessuno più grande di 3.000".

"Quindi forse tra un po' potrebbero ammontare a tre milioni circa".

"Abbiamo sempre più visitatori, e continuano a spuntare altri Villaggi."

"Diciamo che più Villaggi potrebbero aumentare il numero fino a sei milioni alla fine. Ma oggi ci sono dieci miliardi di persone nel mondo - e stanno crescendo".

"La nostra idea è che quando la gente noterà quanto siamo felici, quanto siamo rilassati e sicuri qui, e quanto ci divertiamo, creando invece di limitarsi a consumare, vorrà abbandonare lo stress e unirsi a noi. Con tutti i Villaggi in ogni parte del mondo che hanno sempre più visitatori, pensiamo che la crescita sarà esponenziale in futuro e trasformerà tutte le nozioni della società. Ma abbiamo bisogno di crescere lentamente per imparare e fare le cose per bene. Molti problemi della società sono dovuti al fatto di muoversi troppo velocemente e di non vedere dove stanno andando".

"Quindi i Villaggi della Via del Cerchio sono cresciuti abbastanza lentamente?

"Naturalmente non è successo da un giorno all'altro. Siamo partiti da un sogno e l'abbiamo capito man mano che andavamo avanti. Costruire case, piantare e raccogliere, creare attività commerciali per tutto ciò di cui abbiamo bisogno a poco a poco. Crescita lenta - ma questa è la parte facile. Gli esseri umani sono costruttori. È stata l'emozione di creare il nostro mondo come lo vogliamo a portarci avanti negli anni di magra.  Condividendo tutto e invitando le persone a venire ad aiutarci, abbiamo continuato a migliorare. Perché abbiamo mantenuto il Cerchio, siamo rimasti vicini l'uno all'altro, abbiamo continuato ad ascoltarci, a prenderci cura e ad aiutarci l'un l'altro".

"Cosa fa la più grande differenza per te nella tua qualità di vita qui?

"Cooperazione invece di concorrenza. Non hai idea di che differenza sia vivere in una società completamente cooperativa. Ci rende più vicini, fornisce sicurezza e tutto ciò che vogliamo e di cui abbiamo veramente bisogno. Vivendo semplicemente, creiamo uno stile di vita sostenibile e sano. Inoltre, tutti noi crediamo che sia importante incoraggiarsi e apprezzarsi e sostenersi a vicenda in modo che tutti si sentano apprezzati e curati. “

"Un'altra domanda. Qual è la tua più grande gioia di vivere qui - tu personalmente?

"I bambini. La mia casa si affaccia su uno dei nostri piccoli parchi giochi. Mi piace guardarli giocare mentre faccio colazione ogni giorno. Correre e strillare e ridere, così pieni di energia e di divertimento. Mi ricorda come siamo veramente, tutti noi, prima che le persone anziane comincino a comportarsi in modo strano, freddo, duro, arrabbiato, a chiuderci, a non ascoltarci, a spaventarci, a frustrarci, a manipolarci con minacce e ripicche finché non impariamo ad agire e a pensare come loro. Qui, ci impegniamo a passare il meno possibile l'angoscia che i nostri genitori hanno trasmesso a noi.

"Sai, ogni volta che la tua energia diventa un po' stanca, ogni volta che ti senti un po' giù, scoraggiato, che ti chiedi se ne vale la pena, tutto quello che devi fare è andare a fare un giro al parco giochi. Osservare i piccoli e ripristinare la tua fede nella razza umana. Poi unisciti a loro, lascia che ti insegnino a lasciar andare la tua serietà e a giocare. Riceverai la tua speranza. E poi potrai perderti nella creatività e ritrovare il tuo scopo. Abbiamo bisogno che i bambini ci ricordino chi siamo".

Salendo sul carro potevamo sentire le grida e le risate dei campi da gioco e dei campi sportivi. Siamo tutti silenziosi. Pensando magari a quando potremmo tornare o visitare un altro Circle Way Village, magari unirci ad esso e cambiare la nostra vita. Cambiare il mondo. Un'intera società di divertimento e gioco, di creatività, di vicinanza, di cordialità e di amore.

Quando passiamo sotto il cancello e ci guardiamo indietro ancora una volta notiamo un altro segno con una citazione di Manitonquat che molto tempo fa aveva una visione di un Villaggio della Via del Cerchio:


INSIEME NON C'É NIENTE CHE NON POSSIAMO FARE  

In Italia si sta preparando a nascere un Villaggio ispirato alla Visione di Story, clicca qui per vedere di cosa si tratta